26 Maggio 2019

A Imola Distrutti centra il suo primo successo, Jelmini vince ancora e si conferma leader

<en></en><fr></fr><es></es><de></de><pt></pt><ru></ru><ch></ch><it></it>

Prima volta per Filippo Distrutti, che a Imola ha festeggiato il suo successo numero uno nella Clio Cup Italia. Il 21enne pilota umbro della NextOneMotorsport è stato tra i principali protagonisti del secondo appuntamento del monomarca riservato alle RS 1.6 turbo, vincendo sotto la pioggia Gara 2 e conquistando prima un secondo posto in Gara 1, risalendo così secondo nella classifica generale. Davanti a lui, con un vantaggio di 13 punti, c'è ancora Felice Jelmini, a segno nella prima gara con i colori della Composit Motorsport e autore della sua seconda affermazione di quest'anno, dopo quella ottenuta al Mugello. Tre vincitori differenti, pertanto, nei primi due round, con Fulvio Ferri (Faro Racing) che aveva a sua volta conquistato una vittoria in Toscana e il quale ha inaugurato il weekend del Santerno con una doppia pole.

A conquistare il successo nella prima delle due gare di Imola è stato dunque Jelmini. Il lombardo, che arrivava in Emilia nelle vesti di leader, ha dimostrato di trovarsi perfettamente a proprio agio in condizioni di bagnato. Avviatosi dalla seconda fila, il pilota della Composit Motorsport ha dapprima lottato con Ferri e, nelle fasi conclusive, ha tenuto dietro tanto Distrutti che Matteo Poloni, giunti in quest'ordine alle sue spalle.

Proprio Poloni è stato un altro dei primi attori di questo secondo appuntamento, dal momento che il portacolori del team Essecorse si è confermato velocissimo con la pioggia in Gara 2, chiudendo secondo dopo un'accesa bagarre con Jelmini e Ferri, nell'ordine in terza e quarta posizione. Due quinti posti per Massimiliano Danetti, con un'altra vettura della Essecorse.

Nella Clio Cup Press League, il campionato di Renault Italia riservato ai giornalisti che si disputa nello stesso contesto delle gare della Clio Cup Italia, è stato bravo Alberto Bergamaschi (Autotecnica e Safe-Drive) a portare a casa un ottimo decimo piazzamento assoluto sotto la pioggia, dopo avere recuperato quattro posizioni. In Gara 2 sarebbe probabilmente arrivata la "replica" di Stefano Cordara (La Gazzetta dello Sport e Red-Live), se un inconveniente tecnico non lo avesse fermato quando mancavano solo due giri alla bandiera a scacchi, mentre si trovava 12° ed era a sua volta in lotta con le due vetture che lo precedevano.

Adesso seguiranno due settimane di pausa. Poi, nel weekend del 15 e 16 giugno, di nuovo in pista per il terzo appuntamento del calendario in programma sulla pista di Monza.


La classifica non ufficiale dopo 4 gare (top 10): 1. Felice Jelmini (Composit Motorsport) 83 punti; 2. Filippo Distrutti (NextOneMotorsport) 70; 3. Matteo Poloni (Essecorse) 66; 4. Fulvio Ferri (Faro Racing) 55; 5. "Due" (Oregon Team), Massimiliano Danetti (Essecorse) e Fabrizio Ongaretto (Composit Motorsport) 26; 8. Lorenzo Vallarino (MC Motortecnica) 19; 9. Andrea Mosca (Faro Racing) 13; 10. Paolo Felisa (Composit Motorsport) 7.