02 Novembre 2015

Dalla F.Renault 2.0 ALPS al titolo 2015 del Renault Sport Trophy: un percorso perfetto per Dario Capitanio

<it></it><fr></fr><es></es><de></de><pt></pt><ru></ru><ch></ch><en></en>

La scuola è quella della Formula Renault 2.0 ALPS, in cui ha militato per due stagioni prima di approdare quest’anno nel Renault Sport Trophy. Alla sua prima esperienza nelle ruote coperte, nel monomarca che si disputa con le nuove R.S. 01, Dario Capitanio si è laureato campione della classe Prestige e ha conquistato, in equipaggio con David Fumanelli, il titolo Endurance, portando in alto i colori dell’Oregon Team che ha messo a segno anche il successo nella classifica riservata alle squadre. Il pilota romano, 20 anni compiuti ad aprile, è una delle rivelazioni in assoluto dell’inedita serie che si disputa nei weekend della World Series by Renault: quattro vittorie, 11 podi e due pole position rappresentano il bilancio di un 2015 straordinario, in cui è riuscito a mettere a frutto l’esperienza che aveva acquisito precedentemente in monoposto, sempre nell’ambito di un campionato Renault. Adesso Capitanio guarda alla sfida 2016 che lo vedrà protagonista nello stesso campionato, con ambizioni di vittoria nella classe superiore. Intanto, assieme a Fumanelli, è stato scelto come “attore protagonista” per il nuovo sport della Mégane GT (vedi).


Abbiamo chiesto a Dario, quanto sono stati importanti gli anni trascorsi nella Formula Renault 2.0 ALPS per il suo impegno 2015 nel Renault Sport Trophy. «L’ALPS è stata una grande scuola per tre motivi. Cominciando dal fatto che la vettura è ben bilanciata e ti insegna a sapere guidare una vera auto da corsa. La seconda ragione è che, essendoci tanti piloti al via, soprattutto quelle volte che partivo da metà schieramento, ho imparato a capire quale strategia di gara adottare e a lottare nella bagarre. Infine, essendoci un livello molto alto e andando tutti sempre al massimo, guardando gli altri sapevo se potevo dare ancora qualcosa di più. Nel senso non di portare al limite la vettura, ma me stesso».

Primo anno nelle ruote coperte, sempre nell’ambito della famiglia Renault. Qual è il bilancio della tua stagione? «Guardandomi intorno, i campionati Renault sono quelli a mio parere con un livello più alto. Il primo approccio con la R.S. 01 non è stato facile, perché la vettura è completamente diversa dalle formula: pesa il doppio, dall’abitacolo vedi la metà, ma ha anche il doppio della potenza e una frenata straordinaria».

Quale è stato il momento più bello di tutto il 2015? «Sicuramente la vittoria di Le Mans, perché nonostante avessi addosso la pressione del campionato, giocandomi il titolo con Richard Gonda, non ho mai commesso un errore, rimanendo in testa dal primo all’ultimo giro. Lì ho capito che avevo definitivamente imparato a gestire al meglio la gara. Poi, ovviamente, c’è la soddisfazione  della prima vittoria al Nürburgring, perché in quel caso venivo da una serie di secondi posti».

Quale è stato il tuo rapporto con il team? «Nel corso della stagione il nostro feeling è cresciuto progressivamente. Da metà campionato in avanti la fiducia reciproca ha raggiunto il massimo livello e con il mio compagno di squadra c’è stata fin da subito un’ottima intesa».


Obiettivi per il prossimo anno? «Grazie al successo ottenuto nel Renault Sport Trophy, avrò la possibilità di prendere nuovamente parte al campionato che si disputa con le R.S. 01, per cercare questa volta di conquistare il titolo della Elite».

Parole di encomio, quelle che gli ha rivolto Jean-Pascal Dauce, Motorsport Director di Renault Sport Technologies: «In una sola stagione, Dario è riuscito a entrare nella storia del Renault Sport Trophy, essendo stato il primo campione ed il primo a conquistare due titoli! Un risultato per niente casuale, frutto del suo talento e di un mix di velocità e costanza… In premio gli era stata offerta la possibilità di prendere parte nel 2016 alla 24 Ore di Le Mans nella classe LM P2, ma la sua scelta è ricaduta su un impegno più duraturo, sempre nel Renault Sport Trophy, per potere puntare al successo nella categoria Elite».

 

 

Dario Capitanio
Roma, 11 aprile 1995
2008-2010 Karting
2012 F.Renault 2.0 Italia (3°)
2013 F.Renault 2.0 ALPS (22°)
2014 F.Renault 2.0 ALPS (7°)
2015 Renault Sport Trophy (1° Prestige/Endurance)