06 Settembre 2014

Vittoria e titolo per Nyck de Vries

<en></en><fr></fr><es></es><de></de><pt></pt><ru></ru><ch></ch><it></it>

Pole (la quarta per lui della stagione), vittoria in Gara 1 e titolo: sul circuito del Mugello, l’olandese Nyck de Vries si è laureato in anticipo campione della Formula Renault 2.0 ALPS. Con tre gare ed il conclusivo appuntamento di Jerez ancora all’appello, il 19enne pilota del team Koiranen GP, facente parte del McLaren Young Driver Programme, succede nell’albo d’oro della serie della Fast Lane Promotion a Javier Tarancon (2011), Daniil Kvyat (2012) e Antonio Fuoco (2013). Un successo annunciato, anche se fino all’ultimo il monegasco Charles Leclerc, più veloce nei due turni di prove libere del venerdì e alla fine secondo, ha cercato di mantenere vive le speranze. Ma il portacolori della Fortec Motorsports non ha davvero nulla da rimproverarsi ed il brillante piazzamento da lui conquistato in Toscana ha confermato una volta di più il suo stato di forma, dopo le due affermazioni messe a segno nel precedente round di Monza.

A concludere terzo è stato Bruno Bonifacio, per l’occasione al suo rientro con la Prema. Il brasiliano era presente come “wild card” e pertanto trasparente ai fini della classifica. Ragion per cui a salire virtualmente sul podio è stato Pietro Fittipaldi. Il nipote del due volte iridato di F.1 Emerson, è stato in un certo senso la vera rivelazione di questo inizio di weekend, in cui aveva anche messo a segno il secondo responso nella prima sessione di qualifiche.

LA CRONACA. Al via si schiera anche Matteo Gonfiantini, nelle qualifiche protagonista di un’uscita di pista che aveva costretto la sua squadra ad un lavoro straordinario. Al termine del giro di ricognizione rientra invece ai box Jack Aitken. De Vries al semaforo verde mantiene dalla pole la posizione di testa. Alle sue spalle si accodano nell’ordine Leclerc, Bonifacio, Fittipaldi e Isaakyan. Quest’ultimo al secondo giro scivola tuttavia settimo, alle spalle di Russell e Anthoine Hubert. De Vries allunga il passo e a metà gara porta ad oltre 2” il suo vantaggio su Leclerc, con il monegasco impegnato a controllare Bonifacio negli specchietti; impresa che riesce a portare a termine fino alla bandiera a scacchi. De Vries aumenta ulteriormente il ritmo e fa anche segnare il giro più veloce. Per i suoi inseguitori non c’è più storia. Dennis Olsen, Stefan Riener e Egor Orudzhev chiudono la top-10.

“La cosa importante era partire bene. - ha commentato Nyck de Vries - Ho preso subito un buon passo, rimanendo concentrato sulla gara. Sono ovviamente felicissimo di avere chiuso il discorso campionato. Questo è il mio primo titolo in monoposto”.

Domani alle 13.30 il via di Gara 2 (25’ più un giro da completare), sempre con la diretta in web-streaming sul sito internet renaultsportitalia.it.



Gara 1 (top 10): 1. Nyck de Vries NDL (Koiranen GP) 16 giri, 28’28”931; 2. Charles Leclerc MC (Fortec Motorsports) 4”835; 3. Bruno Bonifacio BRA (Prema Powerteam) 5”462; 4. Pietro Fittipaldi BRA (MGR Motorsport) 12”323; 5. George Russell GBR (Koiranen GP) 12”747; 6. Anthoine Hubert FRA (Tech 1 Racing) 13”410; 7. Matevos Isaakyan RUS (JD Motorsport) 13”709; 8. Dennis Olsen NOR (Prema Powerteam) 17”91; 9. Stefan Riener AUT (Cram Motorsport) 20”225; 10. Egor Orudzhev RUS (Tech 1 Racing) 21”357.

Il campionato (top 10): 1. Nyck de Vries 225; 2. Charles Leclerc 148; 3. Matevos Isaakyan 132; 4. George Russell 89; 5. Simon Gachet 68; 6. Alessio Rovera 65; 7. Dario Capitanio 46; 8. Luke Chudleigh 36; 9. Ben Barnicoat 32; 10. Sebastien Morris 31.